Indietro
1920x580

Salopette e camicia romantica

Due icone in bianco!

Sono due icone. La salopette nasce nell’Ottocento come indumento da lavoro, poi confluito nello stile quotidiano negli anni Sessanta. La camicia ha una storia lunghissima: la sua genesi è nell’antica Roma, nel III secolo dopo Cristo, quando viveva sotto forma di tunica da mettere sotto i vestiti. Poi, nel Rinascimento il colletto, arricchito di pizzo, diventa strumento per dimostrare la propria importanza sociale. Più è alto più denota rango! Con il passare del tempo questo vessillo cessa di esistere e i colli si abbassano, lasciando spazio a ruches e volants. Dal neoclassicismo, la camicia prende una strada autonomia, per siglare la sua indipendenza nell’Ottocento quando le donne ne prendono possesso. E iniziano ad abbinarla a gonne e giacche di stoffe sottili e morbide.

ovs

Il trend interpretato da OVS

Da OVS sono tantissimi i modelli di camicie e bluse: pizzo sangallo in puro cotone per un’allure decisamente romantica, sottolineata da maniche a palloncino. Oppure quella a maniche corte a farfalla, delicata e leggiadra. Per uno stile più essenziale e comunque distintivo, bene la camicia morbida con collo chiusura effetto foulard. Perfetta per l’ufficio. Al posto della salopette la combo perfetta per la primavera estate è jeans + t-shirt total white da indossare sotto una sahariana leggera color ecrù. Uno stile dal sapore vintage e avventuroso, perfetto in qualsiasi epoca.

ovs